lunedì 24 novembre 2014

Imprimir o exportar PDF Colazione perfetta e accettate la sfida?

Siete capaci di mantenere un segreto???  

Sono venuta a conoscenza di una bella proposta IllyCaffè rivolta a tutti,  mi fa piacere condividerla con voi e mi piacerebbe vedervi vincitori!

Il buongiorno si vede dalla colazione, e allora armiamoci di fotocamera e lanciamo la foto del duello!!


Colazione perfetta e accettate la sfida?

Colazione perfetta e accettate la sfida?


Vi racconto:


#Buongiornoilly è un contest aperto a tutti che premierà la  foto della miglior colazione.

La sfida si svolge tra uomini e donne, quindi cari ometti datevi da fare che non vale farla preparare alla compagna =D


Colazione perfetta e accettate la sfida?


Partecipare è molto semplice: basta iscriversi qui ed inviare la foto della vostra colazione perfetta fatta in casa, entro e non oltre i 15 dicembre 2014 compreso.


Le fotografie verranno votate da tutti gli utenti registrati entro non oltre il 15 dicembre 2014 compreso. 

Settimanalmente, IllyCaffè pubblicherà le due foto, una relativa alla categoria Uomini e una relativa alla categoria Donne, che avranno ricevuto il maggior numero di voti nella relativa settimana.

A fine concorso poi, una Giuria eleggerà  Il Vincitore Assoluto, che si aggiudicherà il kit per la colazione composto da:


Macchina Iperespresso X7.1 rossa + 1 confezione di caffè capsule Degustazione + 6 tazzine espresso Liu Wei +  n. 6 cucchiaini Ombra + 1 pack da n. 6 barattoli di confetture miste Agrimontana.

…E non finisce qui!

Saranno anche premiati un Vincitore per Categoria “Uomo”  e un vincitore della categoria “Donna”, che si aggiudicheranno un kit composto da: n. 1 confezione di caffè macinato moka Duetto + 2 tazzine espresso Liu Wei + 2 cucchiaini Ombra + 1 pack marmellatine Agrimontana + 1 pack Tè Darjeeling First Flush 1 Box da 25 filtri.

Le estrazioni finali avverranno entro il 31 gennaio 2015



Che aspettate ad iscrivervi???



Buongiorno Illy
Continua a leggere...

giovedì 20 novembre 2014

Imprimir o exportar PDF Confettura di castagne

sapevate che:.... In passato le castagne erano considerate un dono preziosissimo della natura perché potevano sfamare negli inverni più rigidi, si conservavano a lungo, si prestavano a moltissime ricette e addirittura venivano usate come moneta di scambio.
Prende il suo nome da quello di un’antica città della Tessaglia, regione settentrionale della Grecia, che sorgeva al centro di estesi castagneti.
Dal punto di vista nutrizionale può essere paragonato ad un cereale per la quantità di carboidrati che contiene. Un errore infatti comune è quello di consumare le castagne nei momenti di pausa, ad esempio a merenda sotto forma di caldarroste, dimenticandosi che un etto di castagne è l’equivalente di un piatto di pastasciutta.
Le loro proprietà nutrizionali sono eccezionali: sono ricche di sali minerali, oligoelementi e vitamine; i loro zuccheri complessi (i carboidrati) sono più digeribili di quelli dei cereali; sono energetiche, combattono le affezioni epatobiliari e intestinali, le malattie renali, le affezioni alle ossa, le alterazioni nervose e muscolari, sono lassative, antisettiche e aiutano il sistema circolatorio.

Confettura di castagne

Confettura di castagne


ingredienti:



1 kg di castagne (marroni) sbucciate
700 gr di zucchero
1 stecca di vaniglia

procediamo:

incidete la buccia delle castagne e bollitele per qualche minuto con un cucchiaio d'olio per facilitare il compito di togliere la buccia (lasciatele raffreddare in acqua)
rimettetele in pentola con acqua bollente e cuocete per un 20 minuti circa a fuoco basso (devono solo sobbollire)

passatele sgocciolate nel passaverdure e pesatele

preparate uno sciroppo sciogliendo lo zucchero in un bicchiere d'acqua della cottura (lo sciroppo è pronto quando sollevando il cucchiaio forma un filo di almeno 4/5 cm prima di staccarsi)
a questo punto unite lo sciroppo alla purea di castagne ottenuta e la stecca di vaniglia in pentola e cuocete ancora per 30 minuti mescolando spesso
invasate a caldo seguento gli accorgimenti in area discussioni

Confettura di castagne

Confettura di castagne

vi riporto in evidenza il post che è uno dei primi che ho postato
Continua a leggere...

lunedì 17 novembre 2014

Imprimir o exportar PDF Calzone di cipolla alla barese

e continuiamo il giro tra le ricette delle tradizioni, grazie e merito anche alle mie amiche che sono davvero una fonte preziosa di cultura ed esperienza, oggi torniamo in Puglia da Graziella che ci insegna a preparare il calzone di cipolle, dove le cipolle sono particolari, parliamo di 'sponsali' o cipolle porraie che essendo un prodotto di nicchia non sono reperibili ovunque, 
io in mancanza di quelle ho appunto usato i porri anche se hanno un sapore più pungente
ma vediamo insieme questa golosissima ricetta


Calzone di cipolla alla barese

Calzone di cipolla alla barese


ingredienti per la pasta
500 gr di farina 0 
8 gr di lievito di birra
7/8 gr di sale
olio evo 5 cucchiai
240 ml acqua

oppure usate l'impasto per la pizza che trovate qui

ingredienti per la farcitura
cipolla (Sponsale) 
pomodoro 
scamorza dolce  
formaggio pecorino romano 
olive denocciolate 
uvetta ammollata a piacere
pancetta dolce
sale e pepe
olio evo


Calzone di cipolla alla barese

Calzone di cipolla alla barese


procediamo per la pasta pocedete con gli accorgimenti che utilizzo per preparare la pizza, seguite la ricetta qui  e prepariamo 2 porzioni una i 2/3 dell'altra che servirà come coperchio

nel frattempo prepariamo la farcitura: tagliamo la cipolla a julienne e la immergiamo per un paio di minuti in acqua salata bollente
la scoliamo e la passiamo in padella con poco olio fino a farle assorbire tutti il liquido
prepariamo ora la base di pasta facendo un disco con la porzione più grande in una tortiera a cerniera foderata di carta forno,  foriamo il fondo coi rebbi di una forchetta e lasciamo la pasta abbondante facendola appoggiare al bordo
facciamo uno strato compatto con la cipolla cotta che avremo lasciato intiepidire
aggiungiamo ora tutti gli altri ingredienti finendo con il pecorino

ricopriamo con la porzione più piccola di pasta e richiudiamo con la parte sotto sigillando bene
foriamo la parte superiore, spennelliamo con acqua e olio , inforniamo a forno preriscaldato a 190° per circa 40 minuti
ottima servita tiepida

ed un grazie alla mia cara amica Graziella 


Calzone di cipolla alla barese

Calzone di cipolla alla barese



Continua a leggere...

venerdì 14 novembre 2014

Imprimir o exportar PDF Zucca fritta

e golosa ancor più delle patate..... la zucca fritta , 
un piatto molto in uso nel Lazio, ma non solo ed io poi me lo sono fatta spiegare bene dalla mia amica Monica e vi metto anche la foto di come lo ha fatto, cioè benissimo 


Zucca fritta

Zucca fritta


Ingredienti:

300 gr di zucca
100 gr di farina 0
100 gr di farina di mais
rosmarino,
olio per friggere.


Zucca fritta

Zucca fritta


procediamo
Tagliamo la zucca, eliminimo buccia e semi quindi la  tagliamo a pezzi di circa 1 cm di spessore. 
In un recipiente uniamo le farine ed il rosmarino sbriciolato 
scaldiamo l'olio in una casseruola stretta ma dal fondo alto e lo portiamo a temperatura immergiamo la zucca e la lasciamo dorare bene,
a questo punto non ci resta che trasferirla su carta assorbente per farla asciugare dall'olio in eccesso e servire bella calda con un pizzico di sale

nota
se immergete una fetta di mela in frittura non vi ristagna l'odore del fritto

e Monica consiglia 
anche di farla marinata, una volta fredda conditela con aceto di mele sale e pepe e lasciatela riposare

Continua a leggere...

mercoledì 12 novembre 2014

Imprimir o exportar PDF Orecchiette gialle con zafferano e cavolfiori

Le orecchiette sono un tipo di pasta tipico della  Puglia, famose quelle 'strascinate' che vorrei tanto avere la manualità per fare, 
il loro nome deriva dalla loro  forma che richiama approssimativamente quella di piccole orecchie
si presentano come una piccola cupola di colore bianco, con il centro più sottile del bordo e con la superficie ruvida e si realizzano utilizzando esclusivamente farina di grano duro, acqua e sale
le ho preparate in questa gustosa ricetta golosissima con il broccolo o cavolfiore, la proviamo insieme?

Orecchiette gialle con zafferano e cavolfiori

Orecchiette gialle con zafferano e cavolfiori


ingredienti 

300 gr orecchiette fresche (la ricetta qui)
un cavolfiore piccolo
120 gr pancetta affumicata a dadini (facoltativa)
pistilli di zafferano
3 spicchi di aglio
olio evo
sale e pepe
parmigiano grattugiato per servire

Orecchiette gialle con zafferano e cavolfiori

Orecchiette gialle con zafferano e cavolfiori


procediamo:

prepariamo le orecchiette come vi ho descritto qui

Orecchiette

Orecchiette 



dividiamo il cavolfiore in cimette molto piccole, non  troppo più grandi di un'orecchietta, lo laviamo in acqua acidulata con qualche goccia di aceto
facciamo dorare i dadini di pancetta in un piccolo pentolino e togliere il grasso in eccesso.

Orecchiette gialle con zafferano e cavolfiori

Orecchiette gialle con zafferano e cavolfiori


In una padella larga (io uso il wok) faccio imbiondire gli spicchi d'aglio tritati fini con 3 o 4 cucchiai di olio
aggiungo le cimette di cavolfiore bagnate con lo zafferano sciolto in mezza tazza di acqua calda
aggiusto di sale, copro e faccio cuocere per qualche minuto rimestando ogni tanto

nota
non facciamo cuocere troppo il cavolfiore che deve rimanere al dente

Orecchiette

Orecchiette 


nel frattempo lessiamo le orecchiette in abbondante acqua salata
le scoliamo con un mestolo forato direttamente in padella con il cavolfiore,aggiungiamo la pancetta  e serviamo con parmigiano

Orecchiette gialle con zafferano e cavolfiori

Orecchiette gialle con zafferano e cavolfiori


English
“Orecchiette” with safran
For 4-5 people you will need:
500 gr fresh “orecchiette” (a kind of pasta that is typical in Puglia and is hand-made)
a small cauliflower
120 gr diced bacon
1,5 grams safran powder
3 garlic cloves
extra virgin olive oil
50 gr grated parmesan cheese
salt
Cut the cauliflower into small flowerlets, no bigger than an “orecchietta”. Wash the flowerlets in fresh water with a little vinegar. Drain them. Brown the diced bacon in a small frying pan and drain the fat. Now finely chop the garlic cloves, and brown them lightly in a large pan (I normally use a wok) with some olive oil. Add the cauliflower and the safran diluted in half a cup of warm water. Add some salt, cover and let cook. Do not overcook: the cauliflower should not be mushy. Cook the orecchiette in salted water, drain them, pour them into the wok, stir, add the bacon and the grated parmesan cheese.
Continua a leggere...

lunedì 10 novembre 2014

Imprimir o exportar PDF Tagliatelle di castagna ai 4 formaggi

considerando la farina di castagne il pane dei poveri... ottima nel castagnaccio e volendo fare una cosa un po' diversa.... e ve la riporto in evidenza perchè, dopo 2 anni, l'ho rifatta oggi con lo zola ed ho fatto nuove foto 


Tagliatelle di castagna ai 4 formaggi

Tagliatelle di castagna ai 4 formaggi


ingredienti per la pasta
un terzo di farina di castagna su 
2/3 di farina 0 o semola 
acqua qb per l'impasto

Tagliatelle di castagna ai 4 formaggi

Tagliatelle di castagna ai 4 formaggi


per il condimento
a piacere i formaggi (cosa vi dice il frigorifero) un mix di circa 200 gr
mezzo bicchiere di latte
pepe
rosmarino 

Tagliatelle di castagna ai 4 formaggi

Tagliatelle di castagna ai 4 formaggi


procediamo
per la pasta seguendo qui la ricetta  nella versione senza uovo
la lasciamo riposare un'oretta e nel frattempo....
tagliamo a tocchetti l formaggio... usate quello che trovate in frigorifero, se non ci sono preferenze è un ottimo sistema per riciclare...
lo mettete in un saltapasta con mezzo bicchiere di latte e lo lasciate sciogliere a fiamma dolcissima mescolando
aggiungiamo il rosmarino sminuzzato
quando la pasta è quasi a cottura utilizziamo un paio di cucchiai di acqua di cottura per amalgamare la salsa ottenuta, scoliamo la pasta e facciamo saltare per mescolare
ricopriamo di ulteriore parmgiano e serviamo caldissimo ^^

Tagliatelle di castagna ai 4 formaggi

Tagliatelle di castagna ai 4 formaggi

Continua a leggere...

lunedì 3 novembre 2014

Imprimir o exportar PDF Torta di carote senza farina

tra amiche si finisce sempre per parlare di cucina, e c'è sempre molto da imparare, questa ricetta la devo alla mia amica Monica che è stata davvero preziosa per i miei molti amici intolleranti al glutine ed alle farine
dobbiamo quindi un bel grazie a lei per la realizzazione di questa buonissima torta molto nutriente e sana visti gli ingredienti che useremo
prepariamola insieme
e se invece volete la versione classica con la farina la trovate qui 

Torta di carote senza farina

Torta di carote senza farina


ingredienti

250 gr di mandorle
250 gr di carote pulite
4 uova
180 gr di zucchero  
1 limone (la buccia)
1 bicchierino di rum

1 cucchiaino di lievito per dolci 
sale


Torta di carote senza farina

Torta di carote senza farina


procediamo
prepariamo le mandorle e le carote passate molto finemente al mixer, in una boulle montiamo i tuorli con lo zucchero a frusta fino a farli spumare
a parte montiamo gli albumi a neve ferma con un pizzico di sale
uniamo ai tuorli carote, e mandorle tritate,la buccia di un limone grattugiata, il rum ed il lievito
in ultimo incorporiamo adagio con una spatola gli albumi
prepariamo uno stampo da plumecake imburrato e passiamo a forno preriscaldato a 180° per 40 minuti circa, dipende dai forni
controlliamo la cottura con lo spiedino di bambù
serviamo la torta di carote spolverata di zucchero a velo


Torta di carote senza farina

Torta di carote senza farina


Continua a leggere...