sabato 18 ottobre 2014

Imprimir o exportar PDF Panini al curry o girelline e lievito madre

Il curry è una delle miscele di spezie più conosciute nel mondo,
originario dell’India, il nome originale è "masala
fu importato in Europa dagli inglesi e deve il suo nome occidentale alla parola cari una salsa di pomodoro del Tamil
composto da spezie nella versione classica: cumino,cannella, chiodi di garofano, coriandolo, fieno greco,cardamomo, noce moscata, pepe nero, peperoncino e zenzero e curcuma che gli dona il particolare colore giallo ocra 
queste vengono tostate e pestate a mortaio per essere ridotte in polvere
ha un gusto tendenzialmente piccante che varia d’intensità a seconda delle differenti composizioni 
il curry è antineoplastico, antinfiammatorio, antibatterico e riesce a contrastare il meteorismo e si configura come un vero e proprio toccasana per l’intestino

oggi l'ho usato per dare un sapore esotico a questi deliziosi panini e alle girelline che ho preparato come stuzzichino per un apericena, volete provarli?.. seguitemi


Panini al curry o girelline e lievito madre

Panini al curry o girelline e lievito madre


ingredienti

350 gr farina 0
100 gr farina di farro
160 gr lievito madre rinfrescato
320 gr acqua filtrata
3 cucchiai olio evo
la punta di un cucchiaino di curry
15 gr sale
mortadella per le girelline
semi di sesamo e latte per rifinire


girelline al curry e lievito madre

girelline al curry e lievito madre


procediamo
prepariamo l'impasto con le farine miscelate, l'acqua, il curry, il sale e l'olio e lasciamo riposare per 40 min, intanto lasciamo lievitare il rinfresco
lo uniamo all'impasto e lavoriamo per 6/8 minuti fino ad incorporarlo bene
lasciamo lievitare per 5/8 ore, (io preferisco sempre preparare la sera prima e lasciare tutta la notte in lievitazione)


Panini al curry o girelline e lievito madre

Panini al curry o girelline e lievito madre


riprendiamo l'impasto e formiamo delle palline di 60 gr circa , le lasciamo tonde o prepariamo delle trecce per i panini ottimi da servire farciti

per le girelline stendiamo la pallina in lunghezza, facciamo dei piccoli tagli su di un lato nella lunghezza ed inseriamo salumi o formaggi a piacere, 
arrotoliamo su se stesso


Panini al curry o girelline e lievito madre

Panini al curry o girelline e lievito madre


prepariamo tutto sulla placca da forno, spennelliamo con poco latte e mettiamo i semini di sesamo

inforniamo a forno preriscaldato a 220° e cuociamo per 20/30 minuti a seconda del vostro forno


Panini al curry o girelline e lievito madre

Panini al curry o girelline e lievito madre




Continua a leggere...

mercoledì 15 ottobre 2014

Imprimir o exportar PDF Gallette dolci di quinoa con nocciole e cioccolato

la quinoa, questa pianta erbacea che ultimamente fa così tanto parlare di se, ne ho parlato specificatamente qui riportandone origini e proprietà.
questa granaglia che è largamente usata in Perù, è davvero straordinaria nelle diete e nelle intolleranze, si presta molto bene ai sapori aggiunti non avendone uno proprio definito e quindi ottima sia salata che dolce
ho fatto un piccolo esperimento per tutti i miei amici a regime alimentare, un dolcettino spezzafame , proviamolo insieme

Gallette dolci di quinoa con nocciole e cioccolato

Gallette dolci di quinoa con nocciole e cioccolato


ingredienti

150 gr quinoa
100 gr nocciole/mandorle
2 albumi
1 cucchiaio di cacao
zucchero a piacere o miele
acqua (il rapporto equivalente a 2 volumi per uno di quinoa)
sale


Gallette dolci di quinoa con nocciole e cioccolato

Gallette dolci di quinoa con nocciole e cioccolato


procediamo
prepariamo la quinoa liberandola dalla saponina che la ricopre in un colino sotto acqua corrente come descritto qui
la facciamo scottare in un pentolino antiaderente (come per il riso in un risotto) con un pzzico di sale fino a quando cominciano a scoppiettare i semini
aggiungiamo l'acqua calda e lasciamo cuocere fino ad assorbimento della stessa e conseguente apertura dei semini
dovete ottenere un risultato morbido al palato


Gallette dolci di quinoa con nocciole e cioccolato

Gallette dolci di quinoa con nocciole e cioccolato


a questo punto passiamo a preparare l'impasto aggiungendo lo zucchero, calcolate voi il grado di dolcezza che volete ottenere, il cacao , le nocciole/mandorle tritate o a scaglie, l'albume, non è necessario montarlo a neve e mescoliamo il tutto 
prepariamo in una teglia antiaderente unta d'olio uno strato molto sottile e omogeneo, non avendo glutine che lo lega deve essere ben compatto
passiamo a forno caldo 200° per circa 15 minuti fino a compattare bene il composto, lo togliamo dal forno, tagliamo delicatamente con la spatola per formare le gallette e le ripassiamo ancora per qualche minuto al forno rigirate, devono asciugare tutta l'acqua
nota
potete anche formare le gallette di quinoa separatamente prima di metterle in forno, ma ve lo sconsiglio perchè tenderebbero ad asciugare troppo nel perimentro


Gallette dolci di quinoa con nocciole e cioccolato

Gallette dolci di quinoa con nocciole e cioccolato


Continua a leggere...

sabato 11 ottobre 2014

Imprimir o exportar PDF Pizzapane ovvero come ti utilizzo un esubero di pasta madre

avendo la pasta madre da gestire, capita molte volte di avere degli esuberi abbondanti, specialmente quando si fanno i rinforzi, e succede che ti escono delle cosette per niente male, ho preparato questo pizzapane con un rinfresco e ve lo consiglio , ottimo da consumare come pizza e da farcire con salumi o formaggi


Pizzapane ovvero come ti utilizzo un esubero di pasta madre

Pizzapane ovvero come ti utilizzo un esubero di pasta madre


ingredienti

500 gr di farina 0 
8 gr di lievito di birra
7/8 gr di sale
olio evo 5 cucchiai
240 ml acqua

io ho usato 500 gr di rinfresco al 50% d'idratazione



Pizzapane ovvero come ti utilizzo un esubero di pasta madre

Pizzapane ovvero come ti utilizzo un esubero di pasta madre


procediamo
preparando l'impasto, se procedete con l'esubero lo avete già pronto, se usate lievito di birra mescolatelo ad un po' di acqua tiepida ed aggiungetelo alla farina, impastate per una decina di minuti con l'acqua ed il sale in ultimo
se lo preparate in planetaria fatelo incordare
lasciate lievitare fino a raddoppio
stendete in una teglia e fate i buchi con le dita senza rompere l'impasto
finite con un filo d'olio e, a piacere, verdure, rosmarino, erbe aromatiche
infornate a forno caldissimo per 15 minuti circa (dipende dal vostro forno)

Pizzapane ovvero come ti utilizzo un esubero di pasta madre

Pizzapane ovvero come ti utilizzo un esubero di pasta madre


ottimo anche consumato così diventa un perfetto pane pronto da farcire , consiglio anche di provarlo inserendo farine alternative al 30% del peso.. farro... integrale.. saraceno...

Pizzapane ovvero come ti utilizzo un esubero di pasta madre

Pizzapane ovvero come ti utilizzo un esubero di pasta madre



Continua a leggere...

sabato 27 settembre 2014

Imprimir o exportar PDF Crostatine al limone e frangipane

le crostate sono davvero irresistibli, oggi , invece di vederle farcite con creme o marmellate usiamo la crema frangipane, che è una crema a base di farina di mandorle  
storia narra che sia stata portata da Caterina De' Medici a Parigi , ricevuta come dono per il suo matrimonio con il futuro re di Francia, la ricetta le sarebbe stata infatti donata , proprio in occasione del suo matrimonio, dal conte Cesare Frangipani dal quale prende il nome,
notissimo in Francia ancora oggi nella tradizione natalizia il dolce dei ReMagi (La gallette des Rois ) farcito appunto con la crema frangipane
proviamola insieme in queste deliziose crostatine


Crostatine al limone e frangipane

Crostatine al limone e frangipane


ingredienti
per 10 crostatine

400 gr di pasta frolla (la ricetta qui)
125 g di burro 
125 g di zucchero a velo
125 g di farina di mandorle (o mandorle sbucciate frullate finissime)
70 g di farina 00
2 uova a temperatura ambiente
2 limoni
facoltativa vaniglia
pizzico di sale


Crostatine al limone e frangipane

Crostatine al limone e frangipane


procediamo
prepariamo la pasta frolla, la descrivo qui, e la teniamo a riposare in frigorifero per almeno un'ora avvolta in pellicola, vi ricordo sempre di farla abbondante, vi tiene bene la surgelazione
prepariamo la crema frangipane
facciamo spumare a frusta il burro lasciato ammorbidire con lo zucchero a velo, incorporiamo le uova una alla volta avendo cura di rendere omogeneo il composto, se le uova sono troppo fredde tendono a stracciarsi
uniamo le farine miscelate sempre lavorando a frusta quindi la buccia grattugiata di un limone (la vaniglia se la volete) il pizzico di sale ed otterrete una crema bella densa 


Crostatine al limone e frangipane

Crostatine al limone e frangipane

Crostatine al limone e frangipane

Crostatine al limone e frangipane


prepariamo le formine imburrate e disponiamo la frolla forando la base con la forchetta, farciamo con la frangipane e finiamo con delle fettine sottilissime di limone premendole bene nella crema
passiamo a forno caldo 180° per 30 minuti circa fino a farle dorare


Crostatine al limone e frangipane

Crostatine al limone e frangipane



Crostatine al limone e frangipane

Crostatine al limone e frangipane




Continua a leggere...

venerdì 26 settembre 2014

Imprimir o exportar PDF Ribollita toscana

La ribollita o anche zuppa di pane è un piatto dell'antica tradizione toscana dove gli ingredienti principali sono il tipico pane sciocco  raffermo (qui la ricetta) e verdure
a tutti gli effetti un tipico piatto "povero" di origine contadina, il suo nome deriva dal suo riuso, un tempo veniva  cucinato in gran  quantità per poi essere "ribollito" in padella nei giorni successivi
la vera zuppa  infatti migliora ogni volta che viene riscaldata da non confondere con la minestra di pane che è una minestra molto più semplice
gli ingredienti fondamentali sono il cavolo nero e i fagioli (borlotti, toscanelli o cannellini) 
la ribollita è un piatto invernale dove diventa protagonista indiscusso il cavolo nero che, come la verza, diventa buonissimo in inverno dopo aver preso le gelate notturne
nota
in alcune zone si usano prosciutto o cotenna nel soffritto iniziale , ma non è essenziale
vediamolo insieme in quest'ottima ricetta


Ribollita toscana

Ribollita toscana


ingredienti

1 ciuffo di cavolo nero 
1/4 di cavolo verza 
1 mazzetto di bietola 
1 porro 
1 cipolla 
2 patate 
2 carote 
2 gambi di sedano 
zucchine se le avete fresche
300 g. di fagioli cannellini (borlotti,toscanelli) secchi
2 pomodori 
olio evo
sale e pepe 

250 gr di pane casalingo raffermo
rosmarino o timo

Ribollita toscana

Ribollita toscana


procediamo
prepariamo i fagioli ammollati in acqua per una notte e messi a bollire senza sale per circa un ora 
in un'altra pentola, ottima se di coccio, facciamo rosolare la cipolla, il sedano e la carota in battuto con un filo d'olio
aggiungiamo le patate a tocchetti e lasciamo insaporire per qualche minuto per ultime (se le avete) le zucchine tagliate a rondelle 
cuociamo per circa 30 minuti per amalgamare i sapori

Ribollita toscana

Ribollita toscana


nel frattempo passiamo metà dei fagioli a setaccio li aggiungiamo alle verdure con tutto il brodo dei fagioli , i pomodori in dadolata e portiamo a bollore
lasciamo cuocere almeno un paio d'ore
a questo punto aggiungiamo il pane tagliato a cubetti e riportiamo a cottura per altri 15 minuti

prepariamo poco olio riscaldato appena con un rametto di rosmarino o di timo che useremo per rifinire i piatti di portata, ottima anche cipolla tagliata sottile a crudo

Ribollita toscana

Ribollita toscana


Continua a leggere...

mercoledì 24 settembre 2014

Imprimir o exportar PDF Carciofi trifolati

IL CARCIOFO
contiene "cinarina" che è una sostanza che aiuta a regolarizzare la bile, contiene inoltre tannino, inulina, potassio, calcio, magnesio, sodio ferro e zinco... oltre le varie vitamine A, B1, C. si possono dedurre le molteplici proprietà che ne derivano e che è delitto disperdere in una lunga cottura in acqua.
I benefici del carciofo spaziano da stimolante per il fegato, a calmante per le tossi, disintossicante (es. da un grosso aiuto a disciogliere i calcoli) ed un valido aiuto nel depurare il sangue, ecco perchè non dovrebbe mancare in abbondanza sopratutto nel finire dell'inverno... inoltre è un alimento di un sapore eccezionale!!!! tenetelo a bagno in acqua acidulata per una mezz'ora prima di utilizzarlo e

utilizziamoli  anche come contorno!........vediamo come cucinarli qui di seguito.....


Carciofi trifolati

Carciofi trifolati


ingredienti per due persone
tre carciofi
uno spicchio di aglio 
prezzemolo trito
sale pepe
olio evo


Carciofi trifolati

Carciofi trifolati


procedimento
pulire i carciofi eliminando la parte alta delle spine e le foglie più esterne 
tagliarli a fettine sottili, 
tritare l'aglio e farlo imbiondire in padella con l'olio, subito dopo aggiungere i carciofi e portare a cottura aggiustando di sale e pepe.
Per ultimo aggiungere una spolverata di prezzemolo tritato 
ottima l'aggiunta di succo di limone a piacere


Carciofi trifolati

Carciofi trifolati


Continua a leggere...

domenica 21 settembre 2014

Imprimir o exportar PDF Involtini di pollo e patate

un piatto davvero goloso sono certamente gli involtini... perchè non farli con il pollo???


Involtini di pollo e patate

Involtini di pollo e patate


ingredienti:

5 fette di petto di pollo
5 fette di prosciutto cotto
5 fette di pancetta
senape in pasta
parmigiano grattugiato
aglio uno spicchio
1 cipolla piccola
1 bicchiere di vino bianco
un bicchiere di brodo di carne
2 patate
salvia 10 foglie
sale pepe
olio evo 2 cucchiai

Involtini di pollo e patate

Involtini di pollo e patate



procediamo
battiamo le fette di pollo (usate la carta forno per batterle così non si spappolano ) poi le spennelliamo con la senape e le sovrapponiamo sulla fetta di pancetta, 
mettiamo un po' di parmigiano all'interno, la fetta di prosciutto cotto, in ultimo la salvia e arrotoliamo il tutto fermando con uno stecchino


Involtini di pollo e patate

Involtini di pollo e patate


mettiamo a rosolare gli involtini ottenuti con l'olio, lo spicchio d'aglio, la cipolla (la stecchiamo con del rosmarino a piacere ) e la salvia 
li facciamo dorare su tutti i loro lati
a questo punto sfumiamo col vino bianco a fiamma alta e lasciamo svaporare il vino
togliamo gli involtini e li manteniamo al caldo


Involtini di pollo e patate

Involtini di pollo e patate


uniamo al fondo di cottura le patate tagliate a tocchetti e lasciamo insaporire per qualche minuto, 
aggiustiamo di sale e pepe
togliamo la cipolla e passiamo tutto in teglia dove avremo adagiato gli involtini  
finiamo la cottura al forno preriscaldato per una decina di minuti circa


Involtini di pollo e patate

Involtini di pollo e patate


nota
possiamo sostituire le patate con pisellini o carotine

Involtini di pollo e patate

Involtini di pollo e patate



translated by Mirella
Ingredients:
5 slices of chicken breast
5 slices of cooked ham
5 slices of pork underbelly
Mustard paste
1 clove of garlic
1 small onion
1 glass of white wine
1 glass of meat broth
Peas (frozen are ok too)
10 sage leaves
Salt - pepper
2 spoonfuls of extra virgin olive oil

Preparation:
Pound meat (use the baking paper so that the chicken doesn’t crush). Brush with mustard and put the slices on the pork underbellies. Fill with cooked ham and the sage, roll up and fix with toothpicks.
Cook until golden brown in olive oil, add the white wine and let it evaporate, then add the onion stud with rosemary, the clove of garlic, salt, pepper and the warm broth. Toss the peas for 5 minutes with a bit of olive oil and add them to the meat when it is nearly cooked. Go on cooking for about 10 minutes on a moderate flame

Continua a leggere...