venerdì 30 marzo 2012

Babà

Il babà è una derivazione di un dolce a lievitazione naturale
originario della Polonia dove si chiama babka ponczowa, "dolce della nonna" (da babka, "vecchia") ed ha mantenuto la forma tonda con la crema in mezzo.
Utilizzato dai cuochi francesi, il "baba" ha assunto l'accento sulla sillaba finale mentre i napoletani gli hanno raddoppiato la "b".
La leggenda vuole legare al babbà dei natali regali: l'inventore sembra infatti che fu il re Stanislao Leszczynski che essendo un gran gourmet si dilettava ad inventare sempre nuovi piatti. Il sovrano, pare non potesse mangiare il kugelhupf un dolce tipico francese dell'Alsazia che egli trovava troppo asciutto. 
Fu allora bagnato di Tokaj e di sciroppo. Il dolce ricordava al re la gonna a campana (tonde) delle donne anziane che si chiamano babka. 
Un'altra storia racconta che il re, dal pessimo carattere scagliasse il dolce contro una credenza, fracassando una bottiglia di rum. Questa andò ad inzuppare il dolce e Stanislao allora lo assaggiò, trovandolo ottimo ne fece una ricetta da wikipedia




ingredienti
Farina "00" 250 gr
Farina "0" 250 gr
burro 125 gr
zucchero 75 gr
tuorli d'uovo 4
uova intere 1
lievito di birra 25 gr
sale 5 gr
latte 200 gr circa
aromi naturali q.b. 
per lo sciroppo:
 1 litro di acqua
400 gr zucchero
rhum q.b.


procedimento
versare in un mixer il latte tiepido il lievito e le due farine copriamo con un canovaccio senza miscelare facendo una prima lievitazione di circa un ora.
Trascorso il tempo iniziamo a impastare con la velocita minima e quando gli ingredienti si sono amalgamati bene, iniziamo ha aggiungere tutti gli altri.
Facciamo amalgamare il tutto, se risulta duro aggiungiamo a filo un po di latte tiepido, la massa finale dev'essere molto morbida ed elastica,
adesso facciamo lievitare la caldo per qualche ora.
Quando avrà raddoppiato il suo volume speziamo la pasta in piccole porzione che metteremo in dei bicchieri di acciao tipo quello del crem caramel precedentemente imburrati, e li 
riempiremo fino a tre quarti dello loro altezza facendoli lievitare ancora fino a quando avranno raggiunto la sommità dello stampo.
Adesso inforniamo a 180/200°c e portiamo a cottura, durante la stessa vedremo che la pasta si gonfierà fino a formare la classica forma a fungo tipica del babà, portiamo a cottura facendo dorare la superficie.
Lasciamo raffreddare ed intanto prepariamo lo sciroppo facendo bollire l'acqua con lo zucchero, quando tutto quest'ultimo si sarà sciolto del tutto immergiamo i nostri babà in una teglia dai bordi alti insieme
allo sciroppo rigirandoli di tanto in tanto in modo da farli ben inzuppare, per ultimo aggiungiamo il rhum nella quantità che preferiamo.......buona degustazione!!
presentazione arricchita dalla posateria della linea GMarchesi di Broggi