lunedì 2 novembre 2015

Imprimir o exportar PDF Chiodini trifolati con patate

Autunno , tempo indiscusso per i chiodini o famigliole,
nascono dai tronchi d'albero abbattuti o dai ceppi, come piccoli chiodi gialli o marroncini, a seconda dell'albero che li ospita, raggruppati in tante famigliole: da qui i loro nomi.
Ve ne ho parlato in questo approfondimento.

Se fate una passeggiata nei boschi è facile trovarli in questa stagione.
Vediamoli in questa ricetta semplice e golosissima che può diventare un sugo per gnocchi o pasta:


ricetta di Chiodini trifolati con patate

Chiodini trifolati con patate



Ingredienti

  • chiodini freschi (non metto quantità, ricordate che in cottura calano parecchio)
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 patate gialle
  • prezzemolo
  • olio evo
  • sale e pepe


ricetta vegetariana di Chiodini trifolati con patate



Prepariamo i Chiodini trifolati con patate



Puliamo molto bene i chiodini eliminando la parte terrosa e passandoli delicatamente con un pennello,
ricordate che i funghi non vanno mai immersi in acqua, principio valido oltremodo per quanto riguarda i chiodini che diventerebbero viscidi in cottura;
passiamo con un panno inumidito nelle parti più tenaci, ricordiamoci però che nascono dal legno e dalle foglie, se raccolti a dovere non dovrebbero avere terra.


Chiodini trifolati con patate puliamo i chiodini


In un tegame scaldiamo l'olio con lo spicchio d'aglio schiacciato, lasciamo insaporite per 2 minuti, togliamo l'aglio e tuffiamo le patate tagliate in dadolata sottile,
lasciamo stufare per una decina di minuti per far ammorbidire le patate.

Aggiustiamo di sale, aggiungiamo i chiodini e riportiamo a cottura a fiamma vivace per 5 minuti circa,
ricordate che i funghi non amano le cotture prolungate.

Serviamo con olio a filo, una spolverata di prezzemolo e pepe a mulino.

ricetta semplice di Chiodini trifolati con patate
Chiodini trifolati con patate